Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Pubblicato da Giuseppe Luscia

Relazioni di plastica

L'ipotesi di un contrasto nel merito delle questioni, la sola idea di una di quelle situazioni in cui devi argomentare le tue ragioni e confrontarle con quelle argomentate da altri fa una gran paura.

E allora è tutto un "io non giudico", "io non so", "io non mi permetto" cercando di nobilitare quella che alla fine temo sia solo la scarsa abitudine, o peggio la paura, di essere onesti con noi stessi e con gli altri...soprattutto quando c'è il rischio di pagarne un prezzo.

Ma perché?

Perché preferiamo un mondo finto dove tutti sono fintamente d'accordo, al mondo vero, fatto di opinioni diverse? Che fine fanno certi principi guida al cospetto di questa strategia della minima resistenza? Cosa ci piace di queste relazioni di plastica?

Cosa fa si che chi ti sta vicino e condivide ciò che pensi si guardi bene dall'esporsi? Perché questa sorta di pudore? Cosa spinge persone di buon senso a una solidarietà privata a cui corrisponde il peggior cerchiobottismo pubblico?

La mattina, quale faccia compare nello specchio?

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post